Credere in Cristo e nella Chiesa

Chi è cristiano è nella Chiesa Cattolica, sotto l'autorità del Santo Padre e dei vescovi


    Esercizi spirituali: "e il discepolo la prese nella sua casa".

    Condividi
    avatar
    Diego Vega
    Admin

    Messaggi : 8
    Data d'iscrizione : 22.08.16
    Età : 34
    Località : Cagliari

    Esercizi spirituali: "e il discepolo la prese nella sua casa".

    Messaggio Da Diego Vega il Mer Gen 11, 2017 8:31 pm

    Invocazione allo Spirito Santo: Veni Sancte Spiritus, Veni Creator Spiritus.

    1 - Immaginatevi di essere in una casa molto piccola, buia, con molti inciampi che fanno cadere spesso. E' una casa rovente d'estate e gelida d'inverno.
    2 - In questa casa Dio Padre non si fa mai vedere, il Figlio non ascolta le preghiere, Lo Spirito non parla.

    1a - La casa può essere ampliata, illuminata, resa sicura e confortevole
    2a - Perché ciò avvenga, il Padre vuol essere cercato, ma in Gesù, e lo Spirito Santo ascoltato in Gesù. Quindi il Nome Santissimo di Gesù, Egli stesso vuole che sia sempre invocato, ed Egli vuole sempre essere pregato.

    3 - Ognuno, rispetto a Cristo Maestro, è al massimo un inviato (apostolo), perciò subordinato, sempre indegno ed incerto su cosa dirgli, domandargli, e su cosa dire e fare. Bisogna avvicinarsi per gradi al Maestro Divino; la prima venuta dello Spirito Santo sugli apostoli avviene prima dell'ascensione, perché Cristo affida ad essi la remissione dei peccati. Ma gli inviati non hanno ancora familiarità, pur avendo visto Gesù e il Padre in Lui. Il Padre si è mostrato, Gesù ha ascoltato, ma lo Spirito, pur disceso, non è stato effuso.

    3a - La persona più vicina a Gesù per grazia, meriti, parentela e sangue è Maria, piena di grazia e ricolma dello Spirito Santo, suo Sposo.

    3b - Se si vuole essere non solo discepoli, inviati o amici di Gesù Cristo, ma fratelli dell'unico Maestro Buono, è d'obbligo entrare nella famiglia di Maria Santissima.

    4 - Maria, nostra Madre, visse sempre povera e scelse Giuseppe come sposo, anch'egli povero (sebbene fosse infatti della casa di Davide, era senza i beni regali), senza altri interessi che l'amore per Giuseppe. Quando l'arcangelo Gabriele le annunciò che da lei sarebbe nato, incarnandosi, il Figlio di Dio per opera dello Spirito Santo, Maria specificò: 1) l'umiltà, dicendo di essere indegna del saluto angelico, nonostante Gabriele glielo confermasse con certezza col "non temere"; 2) la fedeltà, dicendo di avere riguardo per il suo vero matrimonio, anche col proposito nascosto di verginità perpetua per una donazione totale a Dio: "come avverrà questo?"; 3) l'obbedienza, dicendo le parole "Ecco la serva del Signore, avvenga di me quello che hai detto".

    4a - Per essere figli della Madre di Dio è necesario essere umili e poveri in spirito, amare questa povertà essendole fedeli, ed amare chi è povero soltanto per obbedire al puro amore. Facendolo spontaneamente, gratuitamente, liberamente.

    4b - Con l'umiltà della Madre di Dio il Padre si mostra, perché lo si cerca con Lei, che è Madre di Cristo. Con la fedeltà della Vergine Maria si dà la preghiera perfetta a Gesù, ed essendo obbedienti come la Madonna Addolorata lo Spirito parla, e per mezzo di Gesù che viene dal Padre, Lo si ascolta.

    5- Facendosi figli e servi di Maria si amplia la casa dell'anima-cuore, che diventa una reggia, tanto illuminata che non vi rimane un angolo di tenebra dove l'avversario si possa annidare, senza gli inciampi delle occasioni di peccato e dei vizi nelle occasioni. Infine diventa una dimora sempre confortevole, perché è unita perfettamente a Maria e al suo spirito, lo stesso spirito di Gesù che è quello che fa la volontà di Dio Padre, nel bene e nel male.

    Di seguito, ci sono molti titoli confacenti alla dignità del Cuore Immacolato di Maria, e noi dobbiamo pregare affinché i nostri cuori si conformino al suo, tanto accogliente da accogliere il Figlio di Dio stesso.

    (dalle litanie lauretane)

    Sede della Sapienza
    Tempio dello Spirito Santo
    Tabernacolo dell'eterna gloria
    Dimora consacrata a Dio
    Torre davidica
    Fortezza inespugnabile
    Santuario della Divina Presenza
    Arca dell'Alleanza
    Rifugio dei peccatori
    Torre d'Avorio
    Casa d'Oro.

    (segue la preghiera Ave Stella Maris)


    _________________
    "Un profeta non è disprezzato se non nella sua patria e in casa sua" (Gesù Nazareno, Cristo Signore)

      La data/ora di oggi è Ven Nov 16, 2018 6:21 am